IUC (IMU - TARI - TASI)

SOLLECITI TARI 2016

Gentili contribuenti si comunica che a causa di errori di digitazione compiuti nel momento del pagamento, non sono pervenuti a questo ente numerosi versamenti TARI 2016. 

L'errore più frequente è il "codice ente" inserito nella colonna "codice" della quietanza di pagamento. Il codice corretto è L216, gli altri come L219, I216, L516, L201 ecc... sono errati in quanto identificano altri comuni. 

E' necessario pertanto che il contribuente si rechi allo sportello bancario o postale per richiedere una verifica dell'operazione di pagamento, o se ha effettuato il pagamento in home banking verificare direttamente on-line. 

Una volta verificato che il codice del comune che ha beneficiato del versamento sia diverso da L216, il contribuente può inviare una richiesta di riversamento al Comune che ne ha beneficiato. 

Per agevolare la richiesta è stato predisposto questo modello da seguire come bozza.

 bozza richiesta riversamento


MODULISTICA

ISTANZA DI ANNULLAMENTO IN AUTOTELA

 ISTANZA TARI

Il modulo TARI consente di effettuare: INSERIMENTO, CESSAZIONE e VARIAZIONI dei dati del contribuente, oltre alla richiesta di ESENZIONI/RIDUZIONI ai fini TARI

RIMBORSO/RIVERSAMENTO 

Le istanze di rimborso/riversamento verranno valutate in ottemperanza a quanto previsto dai regolamenti comunali (IUC)


RATEIZZAZIONE DEI TRIBUTI COMUNALI ARRETRATI

 REGOLAMENTO  DELEGA
utenze domestiche utenze non domestiche


CANONI CONCORDATI  Prot.3150 del 07/04/2016

Accordo Allegato 1 Allegato A Mappa



Nota: i colori della mappa e dell'Allegato1 vanno così combinati: 

  • colonna ZONA CENTRALE corrisponde al colore ROSSO sulla mappa
  • colonna ZONA PERIFERICA corrisponde al colore BLU sulla mappa
  • colonna ZONA RURALE corrisponde al colore VERDE sulla mappa

IUC (IMU - TARI - TASI)

La L.27 dicembre 2013, n. 147 (Legge di stabilita' 2014) istituisce la IUC.

Art. 1, comma 639 (in vigore dal 01/01/2016) E' istituita l'imposta unica comunale (IUC). Essa si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l'altro collegato all'erogazione e alla fruizione di servizi comunali. La IUC si compone dell'imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, escluse le unità immobiliari destinate ad abitazione principale dal possessore nonché dall’utilizzatore e dal suo nucleo familiare, ad eccezione di quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell'utilizzatore.

Con la Legge di Stabilità 2016 (Legge 28 dicembre 2015, n. 208 - G.U. n. 302 del 30/12/2015, S.O. n. 70) sono state apportate importanti variazioni alla IUC.

Per l’anno d’imposta 2017 sono state confermate le novità introdotte con la Legge di Stabilità 2016 e quindi la IUC è rimasta sostanzialmente invariata rispetto all'anno precedente.


TAssa RIfiuti

La legge di stabilità L.147/2013 ha istituito a decorrere dal 01.01.2014, la TAssa sui RIfiuti finalizzata alla copertura dei costi delle attività necessarie al funzionamento del servizio, che vanno dalla raccolta differenziata porta a porta, allo smaltimento dei rifiuti, alla pulizia meccanizzata delle strade. La formula di calcolo che viene applicata a partire dal 2016 è il metodo normalizzato che si basa sul principio che tutti i contribuenti di un territorio concorrono alla copertura dei costi del servizio. Il calcolo è giornaliero. All’importo del tributo viene applicata un’addizionale provinciale del 5%.


  • Regolamenti TA.RI.

2016  2017


  • Tariffe utenze non domestiche

valide per 2016 e 2017 


  • Tariffe utenze domestiche

valide per 2016 e 2017



IMU E TASI

  • Regolamenti IMU e TASI
   IMU e TASI 2016 IMU 2017 TASI 2017

  


  • Aliquote IMU e TASI
2016 2017

  


  • Aree fabbricabili soggette ad IMU
2016 2017

  • Comodato gratuito

 Dichiarazione sostitutiva - COMODATO



Art.1803 Codice Civile

"Il comodato è il contratto col quale una parte consegna all'altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l'obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta.
Il comodato è essenzialmente gratuito."
Comodante è chi dà il bene in comodato - Comodatario è chi riceve il bene in comodato.



Si riportano i casi di non applicabilità della riduzione:

  1. se si possiedono 3 (o più) immobili ad uso abitativo (per intero o in percentuale) 
  2. se i due immobili ad uso abitativo si trovano in due comuni diversi 
  3. se si risiede nel Comune A e l'immobile è situato nel Comune B (diverso dal Comune A) 
  4. se si risiede all'estero 
  5. se l'immobile dato in comodato non viene utilizzato come abitazione principale del comodatario 
  6. se il comodato è tra nonni e nipoti 




ALIQUOTE TRIBUTI COMUNALI IMU - TASI AGGIORNATE 2015








IMPOSTA UNICA COMUNALE


 INFORMATIVA GENERALE IUC 2014

 DELIBERA IUC 2014

 REGOLAMENTO IUC 2014


IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA


 MANIFESTO IUC IMU 2014 ACCONTO

 IMU ALIQUOTE 2014

 IMU ALIQUOTE 2014 AGGIORNATE

 IMU 2014 ALLEGATO A AGGIORNATO

 IMU 2014 ALLEGATO B AGGIORNATO

 RICHIESTA ESENZIONE PER COMODATO IMU 2014

 TABELLA VALORI AREE EDIFICABILI IMU 2014

 SCADENZE TASI ED IMU 2014


TASSA RIFIUTI


 TARI TARIFFE 2014

 TARI TARIFFE 2014 AGGIORNATE

 TARI 2014 ALLEGATO A AGGIORNATO

 TARI PIANO FINANZIARIO 2014

 TARI PIANO FINANZIARIO 2014 AGGIORNATO

 TARI PIANO FINANZIARIO 2014 ALLEGATO A AGGIORNATO

 INFORMATIVA TARI 2014


TASSA SERVIZI INDIVISIBILI


 MANIFESTO IUC TASI 2014 ACCONTO

 TASI ALIQUOTE 2014

 SCADENZE TASI ED IMU 2014


COMPILAZIONE MOD. F24


 ISTRUZIONI PER COMPILAZIONE MOD. F24

 MOD. F24 INFORMATIVA AGENZIA DELLE ENTRATE

 MOD. F24 PER VERSAMENTI